I pericoli del formaggio

Tags: , , , , , , , ,

Croce e delizia di ognuna…qualcuna lo ama alla follia, qualcuna non può sopportare l’odore. Di cosa sto parlando? Del formaggio!

Sai che il formaggio è fatto di pochissimi elementi? Grasso, proteine del latte, acqua e sale.

Si parte dalla lavorazione del latte, vaccino, capra o pecora o mix di latti diversi, e le tecniche di lavorazione portano a formaggi con caratteristiche uniche.

Ne conosciamo infinite tipologie, perché le tecniche di lavorazione sono tantissime e tantissimi sono anche i prodotti finali.

Il formaggio fornisce calcio, vitamina D ed altre vitamine liposolubili ma tante, tantissime calorie! Non è proibito per le pazienti con PCOS ma occorre considerare che da solo, il formaggio costituisce un secondo piatto, non una aggiunta ai pasti o uno snack spezzafame.

Cosa si sbaglia quando di mangia il formaggio?

  1. Non esistono formaggi proibiti ed altri consentiti. I formaggi vanno tutti bene o…tutti male. Tutto dipende dalla quantità. Una porzione media di formaggio fresco è compresa fra i 100 e 150g, mentre per gli stagionati si parla di 70-80g.
  2. Il formaggio non è uno stuzzichino. Se lo mangi come aperitivo o come pezzetto insieme al secondo piatto, sbagli: aumenterai il quantitativo di calorie e grassi del tuo pasto e ti sentirai più gonfia perché la tua digestione sarà rallentata.
  3. Presentare in tavola il piatto dei formaggi. Se ti servi direttamente dal tagliere,perderai facilmente il controllo. Di sicuro sarai tentata a mangiarli, sarà difficile fermarsi… questo è molto sbagliato sei hai la PCOS.
  4. I formaggi freschi sono più digeribili. I formaggi hanno più proteine della carne e la loro digeribilità dipende dalla loro maturazione e stagionatura. I formaggi freschi, al contrario di ciò che si pensi, sono meno digeribili degli stagionati.
  5. I formaggi molli sono magri. Se non controlli le porzioni anche e soprattutto dei formaggi freschi mangerai molte più calorie del dovuto. I formaggi freschi hanno meno calcio e più grassi di quelli stagionati, hanno un contenuto saziante ridotto perché contengono più acqua. Questo ci spinge a consumarne molto di più ma… fermiamoci alla nostra porzione!
  6. Al formaggio si devono aggiungere dei condimenti. Il formaggio non richiede alcun condimento, a differenza di quanto accade per carne, pesce o uova. Condire il formaggio vuol dire aumentarne di molto il potere calorico
  7. Il formaggio non contiene sale. Pensate al parmigiano: sentite quanto è salato? Le donne PCOS ipertese devono assumere formaggi stagionati con molta, molta moderazione.

Non ho finito, un ultimo dettaglio:

Aggiungere il formaggio alle nostre portate come la pasta o la carne vuol dire aggiungere molti grassi, sale e molte calorie ai vostri piatti. Pensate di mangiare un piatto di pasta leggero? con il formaggio saranno sicuramente io doppio delle calorie!

Vi consiglio di mangiare formaggio non più di 2 volte a settimana.

Il formaggio è un secondo piatto, quindi organizzate il vostro pasto così: abbina il formaggio che hai scelto, una deliziosa mozzarella ad esempio, ad una abbondante insalata mista, condita con poco olio, aceto ed accompagnata a 2 fette di pane integrale. Il formaggio ha uno scarso potere saziante perché è morbido e non si mastica, quindi dovrai ricordarti di mangiare piano e masticare bene. Non scordarti di bere acqua durante il tuo pasto.

Che dici? Oggi è il giorno giusto per provare!

Bibliografia: Bruno A., Accossato M. Il diabete, Availlardi Ed.

Iscriviti alla newsletter di LOTUS Flower

Autore: Stefania Cattaneo

Sono Stefania Cattaneo e sono una biologa nutrizionista, appassionata di sport e di nutrizione applicata alle donne. Lavoro nel mio studio privato vicino a Torino, dove visito pazienti di ogni tipo e con le più disparate situazioni ma in particolare mi occupo di sportivi e di donne con problemi ormonali legate al mondo dell'Ovaio Policistico. Farò del mio meglio per aumentare le vostre conoscenze in questa materia, difficile, complicata, delicata ma allo stesso tempo affascinante: la PCOS. Iscritta all'Ordine Nazionale dei Biologici con numero d'iscrizione: AA_067629.

2 thoughts on “I pericoli del formaggio

  1. Salve, sono una ragazza di 28 anni che soffre di Pcos, sono iperinsulinemica o meglio qualche anno fa ho fatto una curva da carico con curva insulinemica e ho scoperto di esserlo ( la mia alimentazione è sempre stata variegata e con assunzione di dolci) da 2 anni cerco di avere un figlio e l’endocrinologo a cui mi sono affidata mi ha consigliato una dieta senza zucchero, senza pollo e in più io assumo solo pasta e riso integrale e mai pane, se non in occasione di eventi che saranno 5/6 annui. L’ endocrinologo inoltre mi indirizzó alla somministrazione di metformina 500 x 3. Sono una infermiera e quindi anche turnista. Che dire ho perso 10 kg in 3 mesi ed ora peso 57 kg per un altezza di 163cm. La metformina dopo 3 mesi L ho sospesa perché mi eliminava la fame e avevo sempre vertigini. Non mangiavo più. Da allora seguo una dieta abbastanza sana, senza latte, con pochissima carne 1 porzione ogni 10 gg) pesce 3 volte a settimana, legumi, cereali integrali come Bulgur, farro, … assumo inoltre myoinossitolo puro in polvere e acido folico 400 mg. a settembre ho scoperto di essere incinta ma purtroppo a 6 settimane si é interrotta la gravidanza. Non pratico sport. Monitoro il mio muco cervicale ma fa sempre cose strane a volte filante, a volte cremoso e spesso sono asciutta. Ho purtroppo poco desiderio sessuale forse legato allo stress della non riuscita della gravidanza. Vorrei provare u programma alimentare diverso da voi consigliato così da valutare l’ Eventuale riuscita. Grazie

    1. Ciao Antonella,
      grazie per il tuo commento.

      Da quello che ci scrivi è importante fare una valutazione approfondita del tuo caso da un punto di vista nutrizionale. Non effettuiamo consulenze nutrizionali online ma se sei interessata puoi metterti in contatto con la dott.ssa Stefania Cattaneo, biologa nutrizionista espera in PCOS nonché fondatrice del nostro progetto. Puoi scriverle all’indirizzo che trovi nella Pagina Contatti. Ti ricordiamo che esercita nel suo studio a Ciriè (TO), a pochi minuti dall’aeroporto.

      Non escludere comunque di fare anche un’altra valutazione ginecologica per capure se l’interruzione di gravidanza è dovuta ad un problema di tipo metabolico o ad uno prettamente ginecologico.

      Restiamo a tua disposizione per ulteriori informazioni.
      A presto 🙂

      Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *