Forma a mela? Ecco perché sei così…

Tags: , , , , , , , , , , ,

Se metti peso e volume sulla parte del tronco, addome e schiena, non è un caso. Tendi ad avere il collo robusto, il reggiseno fa difetto sulla schiena e se proprio vuoi dimagrire, allora sono le gambe a perde volume, non la pancia. È così anche per te?

Se stai facendo sì con la testa, sei una forma a mela e non è la sfortuna ad averti regalato questa forma ma i tuoi ormoni.

Ebbene sì, sono gli ormoni a scolpire la forma del tuo corpo, non certo nei giorni ma negli anni della tua vita.

Ovviamente la genetica fa la sua parte: i genitori donano delle forme corporee e ti sarà capitato di sentirti dire: “… sei tutta tuo padre!” o qualche altro parente.

Quindi predisposizione, ma non solo. Durante la pubertà e soprattutto nell’adolescenza, in conseguenza allo sviluppo sessuale, gli ormoni cominciano a farsi sentire e, a seconda di quello prevalente, il tuo corpo di donna prenderà le relative forme.

Perché i fianchi larghi e la cellulite? Perché gli ormoni prevalenti saranno gli estrogeni. Hanno la caratteristica di depositare il grasso soprattutto sulla parte bassa del corpo (parliamo della forma a pera, quella pura) e, se in età precoce si assume la pillola, ecco che la cellulite sarà una (antipatica) fedele compagna per la vita.

Dall’altro estremo, esiste la forma a mela. Qual è l’ormone prevalente? Ce ne sono due in verità: insulina (e torniamo alla PCOS) e il cortisolo. Il primo, prodotto dal pancreas, è responsabile dell’equilibrio degli zuccheri nel sangue, e porta ad accumulare grasso sulla pancia. Il secondo, prodotto dalle ghiandole surrenali, tende a posizionare il grasso sul tronco e sulla schiena. Con questi due ormoni in circolo, la forma a mela è assicurata.

Ovviamente ci sono forma intermedie, in cui è meno evidente quale sia il filo conduttore ma un occhio attento saprà classificarvi e individuare, con buona approssimazione, qual è l’ormone che predomina o ha predominato in te.

Le donne con PCOS, tendono in generale al sovrappeso, ma in linea generale tendono più facilmente alla forma a mela. Gli studi hanno dimostrato che livelli eccessivi di cortisone, riducono la produzione di una proteina chiamata SHBG che circola nel nostro sangue ed ha la funzione di tenere legati a sé gli ormoni maschili perché siano poco pericolosi. Quando la produzione di questa proteina è ridotta, allora più ormoni maschili saranno liberi di circolare ed agire e più segni di mascolinità saranno presenti: acne, peli in eccesso, perdita di capelli ed alterazione ovariche.

Sei sei una donna a mela, devi tenere a mente anche altri fattori:

  • Sei tendenzialmente più stressata o meglio sei più sensibile allo stress. Se qualcosa di disturba, ti agiti, ti preoccupi, insomma…non ti passa subito. Questo non fa che risvegliare le tue ghiandole surrenali a produrre ancora più cortisolo: è l’ormone dello stress, ricordatelo!
  • Facilmente hai fame improvvisa, che tu chiami fame nervosa, e tendi a magiare sull’onda delle emozioni più che dalla fame. Ti piace forse di più il salato che il dolce.
  • Sei sempre di corsa, soprattutto al mattino. Difficilmente fai colazione o mangi molto, abusi si caffè per tenerti su, mangi di più a cena…dove ne rilassati esageri.
  • Fai fatica a dormire, più la cena e leggera e più sei nervosa.

Non è solo il tuo temperamento a renderti così ma è ancora una volta l’effetto degli ormoni, del cortisolo per la precisione. È lui il responsabile dei tuoi alti e bassi di glicemia, è lui che ti induce a cercare zuccheri per tenerti sù.

Quando ti metti a dieta, solitamente ottieni buoni risultati, ma resisti poco perché non ci stai ai termini della dieta. Molli e recuperi.

Ti spiego perchè. Le tecniche dietetiche classiche non tengono conto dei tuoi bisogni. Ti si propone una colazione abbondante (quando tu non hai fame), un pasto a base di carboidrati (che ti fa venire sonno) ed una cena leggera (che ti fa venire una fame da lupi).

Il cortisolo viene prodotto prevalentemente di giorno, tende ad essere minimo durante la notte. Durante la tua giornata, ha un effetto chiamato iperglicemizzante (alza la glicemia) ovvero induce la produzione di glucosio (zucchero) a parte della tue proteine muscolari. Più sei stressata e più i tuoi muscoli si “sacrificano” per fornirti energia. Attenzione: questo riduce il tuo metabolismo e ti fa ingrassare.

Facciamo i conti: se hai già una glicemia più alta e a questa aggiungi degli zuccheri (biscotti e simili) o dei carboidrati (pasta, riso, ecc.), quale sarà il risultato? Tanti zuccheri nel sangue, e anche tanta insulina… che ti farà ingrassare perché trasformerà gli zuccheri in grasso…attivando il circolo vizioso della PCOS.

Fermiamolo così:

  • Consulta il medico e un nutrizionista abilitato: ti valuteranno con esami specifici ed il nutrizionista stabilirà per te degli obiettivi di peso realizzabile, porzioni adeguate e una impostazione dietetica personalizzata.
  • Tieniti attiva con l’attività fisica: non esagerare con l’intensità, considera che pilates e yoga possono abbassare i tuoi livelli di stress (anche questo fa dimagrire).
  • Fai una colazione con pochissimi zuccheri: una colazione salata andrà benissimo (non avere paura di avere fame: la tua glicemia sarà stabile e ti dimenticherai dello spuntino di metà mattina).
  • Scegli un secondo con verdura e un frutta per pranzo. Aggiungi un pezzo di pane integrale se lo desideri e se hai molta fame

  • Preferisci della frutta secca oleosa come snack fra i pasti (non esagerare: contane 20g al giorno, proteggeranno le tue arterie con i loro omega-3 e omega-6).
  • Scegli i cereali integrali o i legumi con abbondante verdura a cena: ti sentirai sazia e soddisfatta del tuo pasto e dormirai con molta più serenità.
  • Controlla sempre la quantità di grassi del pasto: usa il cucchiaio per misurare l’olio soprattutto se sei in sovrappeso.
  • Non fare spuntini a base di dolci o zuccheri: se proprio non resisti ad una fetta di torta, assumila a fine pasto così la tua glicemia non subirà grandi alterazioni grazie alla presenza della fibra (verdura) del pasto. Sei vuoi mangiare della frutta come snack, scegli quella meno zuccherina possibile.

Sii serena e pensa positivo: questa è la base del tuo stare bene!

Autore: Stefania Cattaneo

Sono Stefania Cattaneo e sono una biologa nutrizionista, appassionata di sport e di nutrizione applicata alle donne. Lavoro nel mio studio privato vicino a Torino, dove visito pazienti di ogni tipo e con le più disparate situazioni ma in particolare mi occupo di sportivi e di donne con problemi ormonali legate al mondo dell'Ovaio Policistico. Farò del mio meglio per aumentare le vostre conoscenze in questa materia, difficile, complicata, delicata ma allo stesso tempo affascinante: la PCOS. Iscritta all'Ordine Nazionale dei Biologici con numero d'iscrizione: AA_067629.