Tags: , , , , , , , ,

Aiuto! Perdo i capelli ma non i peli

Ti sei mai chiesta perchè più cadono i capelli, più peli crescono? “…Non è già abbastanza avere peli in posti imbarazzanti, ora devo perdere anche i capelli?” Sono certa che tu te lo sia chiesto, ma magari questa domanda è troppo imbarazzante da fare ad un medico che vedi per la prima volta.Perchè sai anche tu, che peli e capelli sono simili, eppure perchè sembra che si perda in femminilità ma si acquisiscano elementi tipicamente maschili? La PCOS è davvero una sindrome dai mille oscuri volti. Riempie la vita delle donne in eventi che confondono, che tolgono sicurezza, che mettono a repentaglio l’autostima. E di tanta, tantissima frustrazione.

Cerchiamo di capire, facciamolo insieme. Senza vergogna.

Devi sapere che fra il 40 ed il 60% delle donne che PCOS soffrono di alopecia, ed il 60-80% di eccesso di peli sul viso e sul corpo.

Perdere i capelli è una cosa normale, un eventi più che fisiologico, ma quella delle donne PCOS è qualcosa di diverso, non comune, perchè non è uniforme e non coinvolge tutta la testa, ma prende di mira il vertice. Ti guardi allo specchio e vedi il bianco dello scalpo, una rarefazione, un deciso allargamento della riga centrale dei capelli. Se è già così, vuol dire che hai perso circa il 20% dei capelli della tua chioma, e devi intervenire, non hai tempo da perdere. Questa non è la solita perdita stagionale, è qualcosa di più, che devi chiarire.

E in questa situazione perchè, al contrario, crescono i peli? Devi sapere che noi donne abbiamo a disposizione una doppia difesa per la vita dei nostri capelli: gli estrogeni, che la nostra pelle ama, e che rendendo i capelli folti e luminosi bloccando gli effetti degli androgeni, e l’aromatasi, un sistema enzimatico localizzato a livello del follicolo, che trasforma il testosterone in estrogeni.

Ma nella PCOS entrano in gioco gli ormoni maschili, o meglio, l’eccesso di ormoni maschili.Gli androgeni, infatti, giocano ad un “gioco sporco” nel corpo delle donne PCOS: da una parte promuovono la crescita di peli, dall’altra fa cadere i capelli. L’imputato principale non è solo il testosterone ma anche il suo derivatoil DHT, diidrotestosterone, che ha una forte sensibilità per i recettori posti al vertice della testa, facendo quindi cadere i capelli e rendendo la cute grassa e forforosa. D’altra parte, si pensa che gli androgeni abbiano un effetto completamente opposto con i peli localizzati nelle zone “ormono-sensibili” come baffi, zona del mento e delle basette, petto, spalle e schiena, fondo schiena e basso ventre, dove diventano grossi e scuri.

Prima di tutto, devi chiarire con il tuo medico (dermatologo e/o endocrinologo) quale sia davvero il tuo problema. Perchè la PCOS non è l’unica causa per cui una donna possa perdere i capelli o creare irsutismo.Facciamo una lista:

  • predisposizione genetica;
  • dieta drastica e sbilanciata, priva di vitamine essenziali ed omega-3, scarsa in carboidrati e di cattiva qualità proteica oltre che ricca di grassi saturi infiammatori;
  • anemia da carenza di ferro e carenza di zinco;
  • trattamenti ai capelli aggressivi (tinture, permanenti, gesto di pettinatura troppo violento, uso costante di ferri e phon troppo caldo, tricotillomania, ecc.);
  • assunzione di farmaci come beta-bloccanti, cortisone, ciclosporine, farmaci chemioterapici, litio, levodopa, ecc.;
  • presenza di dermatite o psoriasi;
  • ipo- o ipertiroidismo;
  • menopausa precoce;
  • stress e molti altri fattori.

Esistono rimedi a questo? Si! La scienza offre molte strade ed opzioni terapeutiche, sia naturali (come Serenoa repens, Miglio, Urtica dioica, insieme a zinco e biotina, e macro e microlementi, ecc.) i quali hanno un effetto limitato e più specifico a gestire la caduta dei capelli, che farmacologiche. In quest’ultimo caso il trattamento, di solito efficace per peli e capelli, deve essere deciso e concordato con il medico (dermatologo e/o endocrinologo) dopo aver valutato attentamente il rischio-beneficio e sempre e solo dopo esami del sangue completi ed approfonditi.

Cosa occorre cercare? Il medico deciderà per te, ma normalmente i parametri richiesti per una indagine accurata dell’androgenismo sono:

  • Testosterone: di solito si valuta il testosterone libero o free
  • DHEA-S;
  • SHBG, la proteina che trasporta gli ormoni sessuali. Quando è bassa, l’effetto degli ormoni è più inteso;
  • Cortisolo basale e urinario delle 24 ore;
  • FSH, LH ed il 17-idrossi-progesterone entro la 3-4° giornata del ciclo mestruale;
  • Prolattina, ormone prodotto dall’ipofisi;
  • TSH per la funzionalità tiroidea
  • Emocromo completo e sideremia.

Nel frattempo, cura la tua dieta e fatti consigliare un shampoo adatto alle caratteristiche del tuo problema. Sii vigile e non cadere nella trappola dei risultati facili e veloci a poco prezzo, ma inizia a farti consigliare dal tuo parrucchiere per trattare bene i tuoi capelli ogni giorno.

Bibliografia:

  • Fantini F. “Prevenire e contrastare la caduta dei capelli”. Tecniche nuove Ed., 2005
  • Castano P., Miani A. “I capelli: bellezza e salute”. Tecniche nuove Ed., 2010
  • Bansal K., et al. “Decoding Polycystic Ovarian Syndrome (PCOS)”. Jaypee Ed., 2017

About Stefania Cattaneo

Sono Stefania Cattaneo e sono una biologa nutrizionista, appassionata di sport e di nutrizione applicata alle donne. Lavoro nel mio studio privato vicino a Torino, dove visito pazienti di ogni tipo e con le più disparate situazioni ma in particolare mi occupo di sportivi e di donne con problemi or-monali legate al mondo dell'Ovaio Policistico. Farò del mio meglio per aumentare le vostre conoscenze in questa materia, difficile, complicata, delicata ma allo stesso tempo affascinante: la PCOS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *